Il pensiero/azione di Psichiatria Democratica: il “fare squadra a Telese Terme” per il disagio giovanile post pandemico (Salvatore Di Fede)

Il gruppo sannita di Psichiatria Democratica, nelle persone dei soci che hanno le competenze di Psicologi e Psicoterapeuti, ha aderito al Tavolo di confronto istituito tra Amministrazione di Telese (Sindaco Giovanni Caporaso) e la Curia Vescovile di Cerreto-Telese-Sant’Agata (Mons.Giuseppe Mazzafaro) per elaborare risposte concrete, a partire da un confronto cittadino, ai problemi aperti dal disagio giovanile e dalla preoccupazione, talvolta impotente, delle loro famiglie, che attraverso episodi di risse, bullismi e aumento del consumo di sostanze da abuso, ha acuito i già preoccupanti esiti della crisi pandemica che anche nel territorio telesino si è peraltro caratterizzata per un contesto sociale di relazioni/non relazioni interpersonali e sociali. “Il fare squadra” proposto da Mons. Mazzafaro è l’invito raccolto dai soci della nostra associazione che come noto è da tempo impegnata nel contribuire a costruire percorsi ed esperienze di salute mentale nelle comunità. rifuggendo, ma non rinunciando nelle valenze più utili, al ruolo di tecnici della mente, rilanciando invece la pratica di “sporcarsi le mani” nei problemi che concretamente hanno necessità di essere prima attivamente raccolti e ascoltati e poi, con tutti i soggetti investiti dal problema, là dove possibile, portati a soluzione. La grande esperienza del Vescovo e del Parroco di Telese in tema non solo di analisi del fenomeno sociale in essere. ma anche di motivare risorse umane peraltro già attive nell’ambito cittadino e la capacità organizzativa e di sostegno operativo del Sindaco di Telese, credo davvero potranno fare di questo incontro tra noi tutti, un’esperienza importante e pilota nell’affrontamento più corretto di quanto accade tra i giovanissimi. Psichiatria Democratica farà la sua parte con un apporto gratuito e settimanale (mercoledì pomeriggio e sabato mattina) offrendo uno spazio di colloquio con famiglie e singoli e quanti ne avranno necessità, soprattutto con chi non può permettersi percorsi di psicoterapia o di sostegno psicologico per condizioni economiche di svantaggio.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.