Torna il silenzio degli innocenti (Centro Basaglia di Arezzo)

Il drammatico episodio accaduto nel reparto psichiatrico dell’ospedale di Bergamo, in cui ha perso la vita una ragazza di soli 20 anni, ci obbliga ad uscire da quello strano torpore che sta avvolgendo le nostre menti in una sorta di oblio collettivo.
Nell’aria si respira una crescente tendenza a rifiutare chi è diverso o semplicemente non rientra nei canoni ipocriti di chi pretende di definire la normalità. Quindi si cacciano i disperati che fuggono dalle miserie del mondo e dalle sue violenze terribili oppure si picchia chi manifesta orientamenti sessuali diversi. ciò che non ci piace o ci fa paura va eliminato o nascosto alla nostra vista. È facile leggere una continuità logica di pensiero con chi sempre più spesso parla della sofferenza psichica e delle persone che ne soffrono in termini di malati da rinchiudere o almeno nascondere, dimenticandosi – come affermava Basaglia – che spesso dietro il disagio e la sofferenza vi è una storia di ordinaria e privata infelicità.
Le persone così ritornano ad essere malati da relegare in strutture anche più belle dei vecchi manicomi ma dove l’idea di fondo è la stessa. I continui tagli alla salute mentale in sanità hanno contribuito ad accelerare questa regressione politica e culturale nei servizi dove oramai le prestazioni sono sempre di più oli ambulatoriali cancellando lentamente l’esperienza nata con Basaglia di salute mentale di comunità e di riabilitazione territoriale dimenticandosi che il bisogno si affronta a partire dai luoghi di vita delle persone, la dove il disagio si manifesta e va affrontato nella sua complessità.
Oggi la buona politica, le istituzioni recettive e consapevoli, le buone pratiche dei servizi e la partecipazione democratica che accompagnarono quella fase di superamento delle strutture segreganti dando dignità e diritti ai “senza voce e senza storia”, vivono una fase di profonda involuzione.
Le persone fragili e le loro famiglie sono così spesso lasciate sole e le associazioni di volontariato, voce indispensabile a cui attingere per la rappresentanza dei bisogni, non vengono prese nella dovuta considerazione. Oggi con crescente naturalezza nei reparti psichiatrici ospedalieri si fa sempre più ricorso a tecniche di contenzione che sembravano cancellate dalla rivoluzione , purtroppo incompiuta, sancita dalla legge 180. Non sappiamo se l’episodio terribile di Bergamo sia il frutto di questi cambiamenti ma il contesto in cui gli operatori della salute mentale sono chiamati ad agire è questo. Anche nella nostra civile Toscana si sta strutturando questo tremendo approccio e forse è arrivato il momento che le comunità , la società civile, così come 50 fa, si mobilitino a tutela dei diritti non dei suoi malati ma dei suoi cittadini con la consapevolezza che vale per tutti, senza lasciare indietro nessuno perché non vi sono figli di un dio minore, la prospettiva di una vita degna di essere vissuta e non stroncata perché “contenuta” in un letto di ospedale.
17 agosto 2019

 

 

La contenzione non è un atto terapeutico (Salvatore Di Fede)

Per Psichiatria Democratica la contenzione non è un atto terapeutico e non può più essere consentita.
La drammatica morte di una giovane donna a Bergamo ripropone a noi tutti, operatori della Salute Mentale, la responsabilità di impedire la pratica violenta della contenzione fisica nell’affrontamento della crisi… Si ripetono da tempo gli episodi di maltrattamenti e di eventi tragici nel corso di TSO come di decessi nel corso di contenzioni fisiche: gli uni e gli altri non sono rubricabili come effetti collaterali o fenomeni avversi di protocolli di cura. Sono, bensì, l’esito di modalità di affrontamento della crisi psicotica che rinunciano all’incontro con l’altro che tutti potremmo essere, con l’altro che non riconosciamo più come umano, e dunque nostro, e che abbiamo ripreso  a sentire come diverso, estraneo e quindi pericoloso (e la volontà e responsabilità politica di questa attualissima regressione culturale e sociale non sono certamente  estranee a questi accadimenti).
La deriva manicomiale di queste pratiche coercitive nell’ambito della sanità pubblica non può essere oltremodo sopportata, subita o consentita: Psichiatria Democratica continuerà a lottare perché gli operatori della Salute mentale abbiano le risorse per riaffermare che un altro modo di affrontare la crisi sia sempre possibile e che vengano rispettati i diritti delle persone sottoposte a ricoveri in regime ospedaliero. Il nostro impegno è per impedire che le pratiche di salute mentale che ci hanno liberato dal manicomio siano sostituite da una psichiatria estranea all’umano.
Salvatore Di Fede, Segretario Nazionale di Psichiatria Democratica

Incontro con la Commissione Sanità di Regione Campania

Comunicato Stampa

Psichiatria Democratica incontra i componenti la Commissione Sanità del Consiglio Regionale della Campania.

Giovedi  27 giugno una delegazione di Dirigenti di Psichiatria Democratica (PD), i dottori Salvatore Di Fede, Emilio Lupo e Giuseppe Ortano, è stata ricevuta dai componenti la Commissione Sanità del Consiglio regionale della Campania, a seguito di una  richiesta di incontro da parte di PD preoccupata per il progressivo depauperamento delle risorse a disposizione dei Dipartimenti di Salute Mentale (DSM) campani.

Di Fede, Lupo e Ortano  nel ringraziare il presidente Graziano per la convocazione ed i consiglieri presenti  hanno quindi  indicato le priorita’ da affrontare:

  1. accelerazione dei concorsi per la grave carenza di personale;
  2. salvaguardia dei posti di lavoro del personale del privato sociale;
  3. adeguamento dei posti letto in SPDC, oggi gravemente insufficienti, con le ripercursioni sugli utenti, i familiari e gli operatori impegnati allo stremo, in alcune realtà.

I Dirigenti di Psichiatria Democratica hanno quindi avanzato proposte operative, per quel riguarda una diversa e piena presa in carico degli utenti in grave difficoltà attivando “Tutors sociali” al domicilio del paziente, con progetti individuali e a tempo ma anche avviare un “Patto per il lavoro” a favore di pazienti  con l’obiettivo di consentire una sempre maggiore autonomia.

Infine è stato ribadita l’importanza della piena attuazione dei Protocolli Operativi (insieme ad una maggiore attenzione per la salute nelle  carceri)in materia di misure di sicurezza per pazienti psichiatrici, autori di reato, al fine di fornire un ventaglio di risposte agli utenti, attraverso programmi concordati tra DSM e Magistratura, e non già l’attivazione di altre REMS che, PD ritiene già dispendiose e non in linea con la legge che ha abolito gli OPG.

Nel dibattito il Presidente della Commissione l’on. Stefano Graziano  ed il consigliere  Franco Moxedano  si sono detti d’accordo con le proposte avanzate, sottolineando tutte le difficoltà che l’Ente Regione si trova ad affrontare, in ragione del fatto che l’Assessorato è da anni commissariato nonostante i risultati positivi raggiunti in Regione .

I consiglieri si sono detti disponibili a verificare ,sul campo, lo stato dell’arte della Salute Mentale in Campania e, Psichiatria Democratica, si è detta disponibile ad affiancare questa ed altre iniziative volte a superare le gravi difficoltà attuali e, così, ridare speranza agli utenti ed ai loro familiari, sovente lasciati soli.

Napoli 28 giugno 2019