Fermiamo il massacro di civili in Myanmar

Per sottoscrivere la petizione su Avaaz, clic qui

 

Al Sig. Presidente del Consiglio dei Ministri Prof. Mario Draghi

Al Sig. Ministro degli Esteri On.le Luigi Di Maio

Epc  Al Sig. Presidente della Commissione Esteri Della Camera dei Deputati On.le Piero  Fassino

 

 

Sono trascorsi quasi due mesi dal golpe perpetrato dai militari ai danni della popolazione del Myanmar e del suo governo eletto democraticamente attraverso le elezioni dello scorso 8 novembre. Migliaia le persone imprigionate durante le manifestazioni pacifiche, che si ripetono ogni giorno ed oltre 500 sono stati i morti, tra i quali bambini e giovani, come riferiscono le poche fonti che ancora riescono a trasmettere le notizie, mentre internet è stata bloccato.

Le Associazioni e i cittadini firmatari di questo appello chiedono che si metta fine a questo massacro e cessino le violenze contro inermi cittadini che non si sono fermate nemmeno durante i funerali di una delle vittime civili. Per noi è quanto mai urgente che si ristabiliscano le regole democratiche e si rilanci il processo di pacificazione e di sviluppo per l’ex popolo birmano tanto provato.

Malgrado le prese di posizione di netta condanna nei confronti dei golpisti e della loro cieca violenza espressa da molti Paesi dell’Unione europea, tra i quali l’Italia e la Germania, e dagli Stati Uniti, la situazione nel Paese del sud est asiatico resta assai drammatica ed ogni giorno si contano nuove vittime. Papa Francesco ha rivolto un appello alla comunità internazionale perché si adoperi affinché le aspirazioni del popolo del Myanmar non siano soffocate dalla violenza. Altre autorità morali, religiose e civili hanno fatto proprio questo appello. I sottoscrittori questo appello invitano la società civile, il mondo della cultura, le forze democratiche a fare sentire, malgrado l’emergenza Covid, la propria voce e chiedere un urgente e risolutivo intervento della diplomazia mondiale affinchè in tempi brevi sia ripristinata la democrazia in Myanmar, siano garantite a tutti le libertà civili, termini la sanguinosa repressione che colpisce in particolare giovani, donne e civili inermi.

Lì, 31 marzo 2021

Promosso da:

Psichiatria Democratica

 

Hanno aderito:

Magistratura Democratica
Don Luigi Ciotti , Gruppo Abele e Libera (Torino)
Maurizio Landini, Segretario Generale CGIL
RSU Whirlpool – Napoli
Francesco Guccini
Flavio Lotti, Tavola della Pace (Perugia)
Furio Colombo (Roma)
Carlo Verna, Presidente dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti
Guido Silvestri (Silver)
Giuseppe Giulietti, Presidente FNSI
Luca Zevi (Roma)
Michele Campanella (Napoli)
Medicina Democratica
Sergio Staino (Firenze)
Isaia  Sales ( Pagani -Sa)
Livio Pepino (Torino)
Roberto Monteforte (Roma)
Ricky  Gianco (Milano)
Nino Daniele (Napoli)
Vincenzo Vita (Roma)
Nichi  Vendola
Emilio Lupo (Napoli)
Salvatore Di Fede ( Solopaca –Bn)
Antonello d’Elia (Roma)
Giuseppina Gabriele (Roma)
Luigi Cagnazzo (Napoli)
Titti Marrone (Napoli)
Tony Jop (Roma)
Riccardo Dalisi  (Napoli)
Cittadinanzattiva
Riccardo Cristiano (Roma)
Roberta Amirante (Napoli)
Movimento delle Comunità Cristiane di base, Segreteria Tecnica (Pinerolo – To)
Mariella La Magna-  Gruppo Gridas (Napoli)
Martina Pignataro (Napoli)
Pietro Andriotto (Bologna)
Cesare Bondioli (Arezzo)
Antonio Morlicchio (Sacafati – Sa)
Associazione “Chi Rom e chi no” (Napoli)
Cristina Degan  (Milano)
Luca Signorini (Napoli)
Associazione “Scuola di Pace ODV “(Napoli )
Nara Leonardo (Cavezzo, Modena)
Pasquale Molfetta( Assisi)
Deborah  Acone (Assisi)
GESCO, Gruppo di imprese sociali – Napoli
Antonio Guglielmo (Napoli)
Domenico Casagrande (Venezia)
Legambiente – Circolo La gru (Napoli)
Paolo Rubino (Roma)
Francesco Zoino  ( San Giorgio a Cremano – Na)
Ilario Volpi (Roma)
Salvatore Parisi (Napoli)
Vanni Pecchioli (Roma)
Giuseppe Palomba (Bari)
Kumpania srl – Centro Chikù  – (Napoli)
Bibbiana  Del Salvatore (Bari)
Rocco Canosa (Firenze)
Bernardino Scotta (San Mauro Torinese-To)
Giuseppe Palomba (Bari)
Magistratura Democratica (Sez. Napoli)
Vincenzo Scudiere  (Arona- No)
Chiara Rinaldini
Guido Pullia (Venezia)
Silvana Gasperoni (Venezia)
Domenico Moretti
Bruno Romano (Napoli)
Maurizio Caiazzo (Napoli)
Paola Piombo  (Tirolo –Austria)
AnnaMaria Laville (Napoli)
Maria Teresa Menotto (Venezia)
Associazione Consumatori/Utenti della Campania
Alessandro Ricci (Verona)
Angelo Amato de Serpis (Napoli)
AnnaLaura  Zanatta ( Bologna)
Filippo Cantalice (Bari)
Rosario Stornaiuolo (Napoli)
Ezio Cristina (San Mauro Torinese)
Sergio D’Angelo (Napoli)
Biagio Terracciano (Napoli)
Associazione Semi di laboratorio (Napoli)
Gennaro Savoia (Napoli)
Carmen Pellecchia (Telese Terme – Bn)
Giulio  Corrivetti (Salerno)
Giuseppe Scotto di Luzio  (Bacoli – Napoli)
Angelo Petriello (Napoli)
Dina Galli (Bologna)
Enrichetta Montesano (Napoli)
Mario Tolvo (Napoli)
Associazione VERSO “Veneto Ricerca Sociale” (Venezia)
Fedele Maurano (Napoli)
Emilio Rizzo (Roma)
Pietro Scurti (Napoli)
Teresa Alamprese (Venosa –Pz)
Alberto Gagliardi (Roma)
Ezio Esposito (Napoli)
Matilde  D’Ascanio (Roma)
Sergio Bocchetti (Napoli)
Carlo Picozza (Roma)
Loredana Colace (Roma)
Pierangelo Maurizio (Roma)
Francesca Sabatinelli (Roma)
Sergio Bocchetti (Napoli)
Claudio Morviducci (Napoli)
Massimo Alberizzi (Roma)
Laura Foresta (Roma)
Stefano Dei (Arezzo)
Mariella Maglioni (Arezzo)
Francesco Ridolfi (Arezzo)
Nicola Basso (Napoli)
Mario Fani (Arezzo)
Gian Candido De Martin (Roma)
Raffaele Galluccio  (Castelnovo Né Monti – Reggio Emilia)
Gennaro Cardone  (Vallo della Lucania – Sa)
Lidia Ferrara (Napoli)
Nini’ Marotta ( Ischia – Napoli)
Maria Rosaria Olivieri (Napoli)
Francesco Marotta (Napoli)
Paola Sabatano (Napoli)
Annalisa Cafarelli (Napoli)
Giuseppe Oreto (Napoli)
Alberto Gagliardi (Roma)
Antonella Carillo (Biella)
Marcella Marineo (Casapulla – Ce)
Antonio Simeone ( Napoli)
Assunta Iacono (Ischia – Na)
Antonio Gaudioso ( Salerno)
Marcello Lattanzi (Venezia)
Matteo Speraddio (Napoli)
Maria Rosaria Izzo (Napoli)
Giovanni Natangelo ( San Giorgio a Cremano – Napoli)
Cristina Ametrano (Vallo della Lucania – Sa)
Francesco Blasi (Ischia – Napoli)
Pietro Riccio (Napoli)
Francesco Gallina (Pomigliano d’Arco – Napoli)
Luisa Lapelazzuli (San Giorgio a Cremano – Na)
Gennaro Pannone (Afragola –Na)
AnnaMaria  Petrillo (Afragola – Na)
Vincenzo Campo (Roma)
Chiara Fiorenza
Evelina Ferrari Fassioli (Venezia)
Manuela Natangelo (Concordia Sagittaria – Ve)
Giuliano Natangelo (San Giorgio a Cremano – Na)
Luigi Schiano (Procida – Na)
Silvana Guarracino (Procida – Na)
Carlo Pellegrino (Roma)
Carla Biscegla (Napoli)
Immacolata D’Errico( Bari)
Alterio Maria (Napoli)
Carmine Minopoli( Napoli)
Grazia Muschitelli ( Bitetto- Bari)
Manuela Schiano (Napoli)
Massimo Abbate (Napoli)
Giampiero Schiano (Napoli)
Marica Croce (Trani)
Nicola Cantatore (Corato -Ba)
Antonella Vacca (Latiano- Brindisi)
Silvana Pelusi (Cagnano Varano –Fg)
Concetta Pia Zecchino ( Apricena- Fg)
Paolo Milone ( Apricena – Fg)
Stefano Marchesi (Napoli)
Carmela Boleto ( Bari)
Isabella Cedro (Bari)
Antonella Tummillo (Bari)
Antonella Vacca( Bari)
Pietro Carbone (Napoli)
Anna Idolo (Napoli)
Giorgio Croce (Bastia Umbra – Pg)
Carlo Caregnato (Portici – Na)
Silvana Lavelli (Bastia Umbra  – Pg)
Di Carlo Maria (Bari)
Michele Alberto Cantalice (Bari)
Eleonora Meneleo
Domenico Epicoco
Caterina Di Carlo
Andrea Cantalice
Rosa Bianchi
Associazione 180 amici Puglia
Anna Camposeo (Roma)
Filippo Cantalice (Bari)
Luisa Marino (Bari)
Antonio Bronzino (Gravina di Puglia – Ba)
Iride Gerola (Capurso – Ba)
Gennaro Loffredo (Napoli)
Salvo Cacace (Brescia)
Federico Libero (Pompei – Na)
Livia Perna (Salerno)
Franco Cipriano (Portici – Na)
Lucia Venchiarutti  (Gemona – Ud)
Cecilia Di Santi Genzano di Lucania (Pz)
Santina Generoso (Venosa Pz)
Emilia Salvia (Venosa (Pz)
Mario Serrano (Livorno)
Maria Carparelli (Livorno)
Giacomo Dimase ( Bari)
Giovanna Summo (Corato – Ba)
Raffaele D’Altero (Roma)
Dina Munno  (Sammichele di Bari-Ba)
Antonella Morga (Bari)
Anna Sommella (Napoli)
Alfredo Canciani  (Napoli)
Massimo Ummarino (Napoli)
Giuseppe Nato ( Cosenza)
Nella Fagiani (  Cosenza)
Vincenzo Pastore (Livorno)
Anna De Giorgi (Livorno)
Leoci Vita (Genzano di Lucania Pz)
Serena Suscetta (Venosa Pz)
Beatrice Curatella (Venosa Pz)
Paolo Lupatelli (Città di Castello –  Pg)
Carmen Basso (Napoli)
Lidia Bonaccorso
Domenico Imperatore
Rosa Papa (Napoli)
Giuseppe Auriemma (Somma Vesuviana – Na)
Teresa Guarino (Napoli)
Associazione culturale “Civico 1” (Somma Vesuviana – Na)
Rossana Calvano (Napoli)
Rosaria Argenta (Roma)
Cecilia Pantanella
Edoardo De Ruggeri (Matera)
Rosa Giannone ( Palazzo S. Gervasio – Pz)
Michele Matullo (Napoli)
Giuseppe Bondi (Livorno)
Mariano Morra (Roma)
Maria Tamborra (Caserta)
Loredana Pagano
Giovanni Esposito (Pomigliano d’Arco – Na)
AnnaMaria  Scanu (Napoli)
Paolo Giugliano (Napoli)
Andrea Giugliano
Paolo Fierro (Napoli)
AnnaMaria  Staiano (Napoli)
Antonella Menafro (Napoli)
Tonino Iacovera  (Genzano di Lucana – Pz)
Gaetano Riccio (Napoli)
Giovanna Guarna
Anna Romagnoli (Napoli)
Anna Lenzi (Napoli)
AnnaMaria Visconti (Portici – Na)
Maria Rosaria Magno
Antonino Macri Pellizzeri (Roma)
Antonio Lupo (Napoli)
Alfredo Guardiano (Napoli)
Roselena Lamberti (Salerno)
Arnaldo Capezzuto (Napoli)
Paolo Mancuso (Napoli)
Nicola Terracciano (Caserta)
Ciro Raia (Napoli)
Associazione “Risorgimento Napoletano”
Antonio Cavaliere (Napoli)
Giuliano Balbi (Napoli)
Barbara  Calasalice (Napoli)
Gennaro Marasca (Napoli)
Marcella Tessari (Verona)
Gabriella  Zamboni ( Verona)
Enzo Morandi (Verona)
Alberto Negri (  Verona)
Anna Ricci (Verona)
Paola Bellinzola ( Verona)
Laura Gariggio (Verona)
Pasquale De Sena (Napoli)
Matilde Passa (Roma)
Paolo Serra (Arezzo)
Vanna Palumbo (Roma)
Adriana Scarpati (Napoli)
Anna Garofalo  (Bari)
Alessandra Mollica (Bari)
Maria Vittoria Caramatti (Taranto )
Nicola Resta (Bari)
Pietro Teodoro Brunetti (Mola- Bari)
Gaetano Interlandi (Caltagirone)
Giovani Ferro’ (Roma)
Gianni De Martin (Roma)
AnnaMaria Zaccaria (Napoli)
Anna Pierina Pedersoli
Franco Ferrari (Parma)
Gaelle Courtens (Roma)
Alessandro Mantovani (Roma)
Antonio Martino (Roma)
Giuseppe Acocella (Napoli)
Roselena Glielmo (Assoc. Amato Lamberti – Sa)
Enzo Stendardo (Napoli)
Riccardo Cristiano (Roma)
Lazzaro Pappagallo (Associazione Stampa Romana)
Gregorio Reggiani (Longiano – FC)
Laura Soletti (Lucca)
Marino Bisso
Rete #nobavaglio
Francesco Alterio (Napoli)
Letizio  Lupo (Napoli)
Chiara Stella Scarano (Napoli)
Giovanna Mincione (Napoli)
Luca Maria Negro (Presidente feder. Chiese Evangeliche)
Giorgia Deidda (Bitonto)
Francesco  Improta (Ventimiglia)
Ilaria Palomba (Roma)
Mariano Lamberti (Roma)
Antonietta D’Angelo (Roma)
Antonia Rizzo (Roma)
Ilaria Grasso (Roma)
Michele Sisto (Bari)
Vittoria Fruttaldo (Napoli)
Cesare Albanese
Gregorio Reggiani (Longiano Fc)
Laura Soletti
Alessandro Barban  – Priore Generale dei Monaci Camaldolesi
Gian Maria Gillio – Dir. Resp. Agenzia NeV
Chiara Cecilia Cuccaro  (Roma)
Alberto Bobbio ( Roma)
Mirco Polichetti (Napoli)
Mario Scanu (Napoli)
Renato Polichetti  (Napoli)
Maria Scanu (Napoli)
Ilaria Ciancio
Ferdinando Carillo (Terzigno)
Michele Avino (Terzigno)
Lucia Carillo (Terzigno)
Colomba  Orbaniello (Modena)
Anna Angelotti (Napoli)
Matteo Avagliano (Torino)
Maria De Santis
Antimo Russo (Napoli)
Patrizia Carbone (Napoli)
Vito Lupo (Napoli)
Margherita Caccioppoli (Napoli)
Gabriele Nizzi (Modena)
Giovanna Galazzo
Dorothy Volpe (Venafro)
Teresa Marras
Enzo Percepese
Corrado Angione (Milano)
Antonio Califano
Salvatore Cerasuolo (Napoli)
Stefania Lupo (Napoli)
Ida Cerasuolo (Napoli)
Rosa Caroli (Venezia)
Angela Robert (Torino)
Guido Pelosi (Napoli)
Felice Doria (Treviso)
Francesca Baronio
Gerardo Imparato ( Napoli)
Giovanna Calaselice (Napoli)
Massimiliano Montanari (Napoli)
Amedeo Imparato (Napoli)
Giampaolo Imparato (Napoli)
Simona Imparato (Napoli)
Mario Raimo (San Giorgio a Cremano, Na)
Pasquale Moscato (Arzano, Na)
Angelo Taliercio (Tufino, Na)
Giulio Vitagliano (Arzano, Na)
Ciro Antignano (Arzano, Na)
Cristina Di Natale (Torre del Greco, Na)
Filomena Caiazzo ( Brusciano, Na)
Fiorella Avella (Nola, Na)
Carolina D’Ascoli (Camposano, Na)
Valeria Macario (Napoli)
Giovanna Perrina (Napoli)
Gennaro Lupo (Terzigno, Na)
Caterina Fasella
Lino Rigo
Franco Esposito (Bacoli,Na)
Marina d’Auria (Bacoli, Na)
Aldo Aiello (Bacoli, Na)
Gerardo della Ragione (Sindaco di Bacoli, Na)
Gennaro Penza (Bacoli, Na)
Rosanna Scotto di Luzio (Bacoli, Na)
Antonio Finardini (Bacoli, Na)
Luigi Costagliola (Bacoli, Na)
Enzo Doriano
Mauro Cucco
Rita Scotto di Luzio (Bacoli, Na)
Lidia Bonaccorso (Roma)
Prof. Alessandra Sannella (Cassino, Fr)
Assunta Toto (Napoli)
Carlo Ferreri (Napoli)
Francesca Lupo (Napoli)
Gianfranco Nappi (Napoli)
Ass. Infiniti mondi
Rosanna Giorgi (Volla, Na )
Rosanna Cecchi (Parma)
Roberto Pagano – Rete No Bavaglio
Movimento pugliese per la Salute Mentale “Rompiamo il silenzio”  (Bari)
Carlo Minervini (Bari)
Maddalena Guida (Bari)
Ciro Raimo (San Giorgio a Cremano, Na)
Gennaro Raimo (San Giorgio a Cremano, Na)
Annunziata Castaldo  (San Giorgio a Cremano, Na)
Giacomo Caiazzo (Brusciano, Na)
Giuseppina Ruggiero( Brusciano, Na)
Vincenzo Caiazzo (Brusciano, Na)
Filippo Di Natale (San Giorgio a Cremano, Na)
Antonella Montesano (Napoli)
AnnaMaria Moscatelli (San Giorgio a Cremano, Na)
Francesco Di Natale (Roma)
Alessandro Di Natale (Trento)
Luigi Atianese (Torre del Greco, Na)
Antonietta Cinquegrana (Napoli)
Luca Signorini (Primo violoncellista del S. Carlo – Napoli)
Paolo Eugenio Cresci (Napoli)
Claudia Zito (Monserrato, Ca)
Stefano Cimmino (Napoli)
Giovanna Avena (Napoli)
Oriana Mellone (Pozzuoli, Na)
Giovanna Minichino (Pozzuoli, Na)
Luigi Di Giacomo (Napoli)
Gabriele Pastore (Napoli)
Letizia Cimmino (Napoli)
Laura Cimmino (Napoli)
Ornella Di Giacomo (Napoli)
Vincenzo Salvetti (Napoli)
Federica Di Giacomo (Napoli)
Nicola Castaldo (Napoli)
Giuseppina Ferone (Napoli)
Ilaria Mellone (Pozzuoli, Na)
Liliana Pepe (Iseo, Bs)
Pietro Cagnazzo (Iseo, Bs)
Antonio La Pastina (S Giorgio a Cremano, Napoli)
Dolores Cagnazzo (S. Giorgio a Cremano, Napoli)
Andrea La Pastina (Napoli)
Giuseppe Manuzio (Napoli)
Angela De Rosa
Dolores Razzano ( Ischia)
Lucia Castaldi (Lacco Ameno, Ischia)
Giuseppe Pagano (Ischia)
Maurizio Morena (Ischia)
Gennaro Gloria (Ischia)
Adelaide Battista (Forio D’Ischia, Na)
Michele Trematerra (Napoli)
Lucia Mango (Napoli)
Valentina Trematerra (Napoli)
Antonino Madonna (Capri, Na)
Monica Musetti (Ischia)
Giovanni Campese (Napoli)
Anna Laghezza (Na)
Salvatore Costagliola (Procida, Na)
Valentina Sannino (Napoli)
Pietro Avallone (Na)
Luca Esposito (Na)
Salvatore Ferrigno (Na)
Rosy Schiavo (Somma Vesuviana, Na)
Alessandro Scurti (Na)
Giovanni Pratillo (Marcianise, Ce)
Gianmarco Scurti (Napoli)
Gaetano Amalfitano (Ischia)
Ida Raia (Serrara Fontana, Na)
Adelaide Di Nunzio (Na)
Funaro AnnaMaria (Napoli)
Tag El Din ( Caivano, Na)
Arnaldo Ferrandino (Ischia)
Michele Migliaccio (Forio d’Ischia, Na)
Carmela Castaldi (Casamicciola, Ischia Na)
Angelo De Dato (Ischia)
Giuliana D’Ambrosio (Na)
Marianna Canciani (Napoli)
Rosa Benevolenza (Na)
Gabriele Rollin (Na)
Lucrezia Canciani (Napoli)
Francesco Somma (Napoli)
Daniela Petrone (Napoli)
Franco Stipa (Na)
Paola Ambrogi (Na)
Antonio Cirillo (Na)
Vincenzo Radice (Napoli)
Roberto Febbraro (Na)
Fulvio Chiatto (Na)
Carmela Caputo (Na)
Angela Castaldi (Ischia, Na)
Luisa Bossa (Portici, Na)
Giampaolo Ettore (Pozzuoli, Na)
Ines Pedata (Portici, Na)

Contro la riedizione veneta della psichiatria manicomiale (Guido Pullia)

l filone veneto di Psichiatria Democratica continua con il contributo di Guido Pullia, nostro storico compagno, psichiatra e Direttore del DSM di Treviso fino al 2006; Guido richiama l’attenzione sul grave pericolo di restaurazione che a grandi passi avanza nella sua Regione e attraverso un ampio excursus ripercorrere le tappe degli anni delle lotte e della riforma e indica alcuni primi obiettivi per risalire la china e contrastare a muso duro l’attuale linea della psichiatria veneta.

Allegato:

Contro la riedizione veneta della psichiatria manicomiale (prima parte)

Contro la riedizione veneta della psichiatria manicomiale (testo completo)

Auguri di buon anno 2021 (da Emilio Lupo)

AUGURI. Tanti AUGURI!

da Emilio Lupo, Resp. Nazionale Organizzazione di Psichiatria Democratica

Auguri. Auguri. Auguri. E ancora Auguri. E’ questa l’occasione per riflettere, tutti insieme, su quanto ci lasciamo alle spalle, su quanto abbiamo fatto e sui nostri progetti per il futuro, ma è anche il tempo per fare chiarezza in tanta confusione di ruoli e per domandarsi da quale parte sedersi, come ammoniva Brecht. Dispiace constatare l’ appiattimento, l’omologazione e questo silenzio assordante intorno a noi; una amara constatazione che deve però spingerci ancora una volta, come movimento di Psichiatria Democratica, a mantenere e far crescere il nostro impegno a tutto campo per l’affermazione dei diritti, e a continuare la lotta contro qualsivoglia forma di sopraffazione andando come sempre ben oltre lo specifico psichiatrico.

L’anno che ci lasciamo alle spalle ha segnato l’intero Paese. La pandemia ci ha fatto conoscere altre dimensioni, singole e comunitarie, che non avevamo nemmeno immaginato, ma ci ha anche fatto comprendere tutto il valore del nostro lavoro di gruppo, iniziato nell’autunno del 1973, anno di fondazione di Psichiatria Democratica.

Una rotta perigliosa quella tracciata con molteplici difficoltà, contrasti e rallentamenti, ma che non ci ha impedito di mantenere al centro del nostro fare/pensare l’impegno per il cambiamento: sconfiggere la psichiatria dell’isolamento, della ripetitività e della segregazione, praticando e promuovendo al contempo  una Salute Mentale di comunità.

Un impegno senza risparmio per realizzare, insieme a tanti altri attori, percorsi di liberazione, affrontando battaglie lunghe e defatiganti, che hanno richiesto fiato lungo e testardaggine.

Ci siamo dati, nel corso degli anni, obiettivi importanti ed irrinunciabili: ci siamo “sporcati le mani” negli anni delle lotte all’interno delle strutture asilari, e ci siamo impegnati a costruire, tra mille diffidenze e  ostracismi, i primi servizi territoriali sulle 24/h. Ci siamo contagiati con altri saperi ed abbiamo inventato nuove pratiche. Voglio qui ricordare, altresì, i gruppi di studio permanenti, in particolare quelli di approfondimento e proposta con Magistratura Democratica per l’Amministratore di sostegno, che ha tracciato un nuovo percorso in questa delicata materia, e per la chiusura degli OPG, altra tappa importantissima.

Ci siamo sempre stati, con le nostre proposte e le nostre azioni, anche quando insieme a poche altre Associazioni abbiamo contestato e contrastato a muso duro il tentativo di riproporre le pratiche di elettroshock.

Esserci ha sempre significato, per Psichiatria Democratica (PD), una presenza sul terreno della lotta e della proposta, mai la sterile protesta priva di spessore politico e di programma operativo, cui abbiamo assistito in tutti questi anni di cui ancora oggi, registriamo parole ed enunciati che non incidono sul potere e quindi restano sempre, ineluttabilmente, seppur involontariamente, funzionali al mantenimento dello status quo.

La lotta per il superamento degli OPG ha significato, nei fatti, che delegazioni regionali di operatori di PD,  hanno visitato, con costanza ed assiduità, gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, E’ stato il nostro modo di controllare  e stimolare l’attuazione di un reale processo di dismissione e, contemporaneamente, di far conoscere, attraverso i media, le nostre proposte per il superamento di quei terribili luoghi. Abbiamo interloquito costantemente con i rappresentanti del Governo e delle Istituzioni perché la svolta si concretizzasse dopo tanti anni di impegno, e in molti taluni casi siamo stati interlocutori privilegiati, per la  riconosciuta capacità di saper coniugare la proposta di rinnovamento con i conseguenti ed indispensabili atti legislativi.

Siamo  impegnati a sostenete la cooperazione sociale di qualità e i Centri Diurni, che con il loro lavoro hanno contribuito, in questi anni, a concretizzare processi importanti di inclusione sociale per tante donne ed uomini.

Per noi è urgente ridare centralità alla Sanità pubblica, una centralità necessaria, come ha dimostrato inequivocabilmente la pandemia; che la riforma sanitaria del 1978 le assegnava in maniera chiara. Dobbiamo continuare a batterci per dare finalmente gambe e solida struttura ai dettami di quella straordinaria riforma: universalità, eguaglianza ed equità delle prestazioni. Ogni altro surrogato finirà ancora una volta per penalizzare il pubblico.

Le pratiche territoriali fin qui messe in campo, ci consentono di affermare che oggi possiamo contare su una molteplicità di interventi territoriali, in grado di fornire all’utenza una serie di risposte concrete, diversificate tra loro e che hanno contribuito a cambiare significativamente la vita di molti e infondere loro speranza; risposte i cui effetti sono innegabili e visibili e che concorrono, tra l’altro, a dar leva alle lotte di quelle Associazioni di familiari, impegnate a fare rispettare ed attuare la legge 180/78.

Da ultimo ci siamo impegnati affinchè la chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari (OPG) potesse costituire un momento di crescita, di liberazione e soprattutto di consapevolezza collettiva del Paese, e non già un mero atto tecnico. Ci siamo mossi in questa direzione proponendo i Protocolli Operativi: uno strumento straordinario – ancora poco usato purtroppo – perché in grado di promuovere percorsi di inclusione mediante la presa in carico contestuale, da parte di Magistratura ed Azienda Sanitaria, dei pazienti psichiatrici autori di reato. Anche qui la strada non è stata breve e ha visto PD muoversi a più livelli: con la stampa (interviste ai Dirigenti di PD, pubblicazioni di C. stampa etc.), con le Istituzioni (DAP, Camera dei Deputati) con la formazione degli operatori ( con eventi formativi ECM, straordinariamente organizzati dal nostro Gruppo Formazione e che hanno visto una grande partecipazione di operatori, ai quali si devono aggiungere i dibattiti svolti in molte parti d’Italia, ultimo, prima del blocco Covid, quello di Aversa); fino a giungere all’audizione di alcuni dirigenti di PD, nel giugno 2018, presso la competente commissione del Consiglio Superiore della Magistratura (CSM), dove presentammo e motivammo dettagliatamente la nostra proposta dei Protocolli Operativi Vincolanti.  Protocolli che il plenum dell’Organo di autogoverno della Magistratura ne condivise lo spirito adottando una specifica risoluzione nel settembre dello stesso anno, alla fine di una serie di consultazioni.

Il nostro gruppo Formazione è stato capace durante questi anni di organizzare eventi ECM di alta qualità, che hanno raccolto una crescente adesione, in ragione della originalità e dell’ampiezza dei temi di volta in volta sviluppati. Contiamo di implementare questa importante attività anche perché la formazione è uno degli strumenti più importanti per attrarre le giovani leve.

Oltrepassare lo specifico psichiatrico, come dicevamo, è sempre stata una prerogativa di Psichiatria Democratica fin da quel lontano Ottobre del 1973,  tant’è che ancora oggi noi continuiamo a muoverci parallelamente su due terreni: 1) quello dello sviluppo di pratiche di Salute Mentale sul territorio (Servizi attivi nelle 24h  per i quali continuiamo a chiedere adeguate risorse umane ed economiche su tutto il territorio nazionale, ma anche lotta ad ogni forma di lavoro precario), della lotta al pregiudizio psichiatrico, sviluppo della cooperazione integrata e dell’associazionismo, in collegamento costante ed attivo con le altre realtà socio-sanitarie, con il mondo del lavoro e con i mondi della cultura, dell’informazione, dello sport, etc.); 2) l’ essere presenti, insieme ai movimenti che lottano contro  tutte le forme di esclusione, di razzismo, dentro i movimenti di liberazione a fianco di migranti, ai senza fissa dimora, alle donne in difficoltà, agli anziani, ai bambini ed adolescenti, per offrire il nostro impegno ed il contributo di idee, di proposte ed esperienze.

Qualche riflessione prima di lasciarci per gli Auguri per il 2021: nel corso di questi circa cinquanta anni abbiamo potuto dimostrare che quanto il gruppo fondatore di PD aveva preconizzato ha avuto riscontri concreti, indiscutibili e straordinari. Infatti non ci sono più ne’ i manicomi e nemmeno gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, molti utenti lavorano nelle cooperative sociali, i ricoveri “di urgenza” non sono più dei provvedimenti di Pubblica Sicurezza in quanto garantiti dai Sindaci e dai Giudici tutelari; infine l’Amministratore di sostegno assicura una tutela articolata ben diversa dall’interdizione. I  Servizi  territoriali,che oggi vivono in grandissima sofferenza per la carenza di personale e di risorse economiche, sono, per il lavoro che nonostante tutto continuano a fare, la prova tangibile che la Salute Mentale deve essere pubblica.

Ho voluto trattenermi un po’ di più su questo punto perché ho avvertito, nei racconti di alcuni operatori, soprattutto negli ultimi mesi, un forte timore che possa avanzare un processo di restaurazione e di totale medicalizzazione della sofferenza psichica. Non è così, seppure le difficoltà sono sempre maggiori e sono state accentuate dalla pandemia. Credo, di contro, che con le nostre lotte e con l’azione trasformativa concreta, abbiamo dimostrato che, come sottolineava Basaglia, “l’impossibile può diventare possibile”, e che nonostante i tempi bui esiste ancora uno spazio praticabile ed un terreno fecondo che dobbiamo arare. Dobbiamo dedicare maggiore tempo ed attenzione agli specializzandi in psichiatria e psicologia, ed ai laureandi in tecnica di riabilitazione psichiatrica e psico sociale ed a quanti frequentano i corsi di assistenti sociali e le facoltà di scienze infermieristiche: con questi operatori i nostri contatti, oggi, sono limitati ai soli eventi ECM e questo assolutamente non basta. La forza della nostra capacità organizzativa deve penetrare sempre più la grande fucina della cooperazione sociale; dobbiamo ampliare ed intensificare i nostri rapporti con gli operatori impegnati nelle varie articolazioni funzionali dei Dipartimenti di Salute Mentale, dai CSM agli SPDC, ai Centri diurni, agli alloggi.

E’ il primato delle pratiche, per dirla con Agostino Pirella, che va rinverdito negli incontri con tutte queste figure; si tratta di percorsi faticosi, talvolta lunghi; percorsi che hanno dimostrato, anche ai più retrivi, che è stato possibile voltare pagina. Questo lavoro corale ha anche mutato la mente e l’anima del Paese, e siamo riusciti a passare dal dolore inutile dei manicomi (Alda Merini) alle case supportate dell’inclusione e della libertà, dai letti di contenzione degli OPG alla creatività liberatrice delle cooperative di lavoro e dei Centri diurni, dalle classe differenziate alle scuole pubbliche, dalla “inabilitazione” della malattia mentale alla gestione di ristoranti da parte di persone con disagio. In questa direzione di costante attenzione e coinvolgimento dobbiamo lavorare senza tregua e senza incertezze negli anni a venire. Nuove adesioni alla  causa comune ed a quella associativa, con il coinvolgimento di giovani operatori che fanno propria la sfida della presa in carico, saranno l’antidoto migliore  alla psichiatria del ritorno al controllo sociale e della ripetitività senza progetto e senza futuro. Mentre è sempre più urgente che quella utopia della realtà, incominciata a Gorizia e che progressivamente e con immensa fatica e dedizione e’ riuscita a contagiare l’intero Stivale, continui a dispiegare la sua forza rinnovatrice e rivoluzionaria, fatta di pratiche di inclusione e di liberazione, di una formazione attiva e critica che si differenzia dallo standard prevalente, di tenacia che non teme gli arretramenti perché è sempre capace di riconoscere limiti ed errori, per poi riprendere il cammino proprio da dove ci si era dovuti fermare.

Sia ben chiaro, nessuno ha la verità in tasca, ma la strada è sicuramente questa, quella del TERRITORIO; non altre! Una strada così importante da meritare il maiuscolo, quella strada che abbiamo condiviso, negli anni, con tanti nostri straordinari compagni di vita, assenti – presenti, a cui continuiamo a voler bene. Che ci mancano.

AUGURI  per un 2021 di lotta di riscatto e di pace.

Abbracci a tutti.                                                                                                  Emilio

Napoli, 29 dicembre 2020

Lo spirito goriziano – completo

Pubblichiamo in allegato lo spirito goriziano, nella versione completa.

 

Allegato:

Lo spirito goriziano (completo)

Lo spirito goriziano – seconda parte

Pubblichiamo in allegato lo spirito goriziano, arricchito della seconda parte.

 

Allegato:

Lo spirito goriziano con la seconda parte

 

 

 

Lo spirito goriziano

Pubblichiamo dappresso uno scritto del nostro compagno Marcello Lattanzi, psichiatra a Venezia e da sempre militante in Psichiatria Democratica. Quanto ci propone era, originariamente, come ci ha comunicato nel trasmettercela, una “lettera aperta ai giovani operatori psichiatrici” ai quali ha richiesto di commentare la sua esperienza personale. Ve la proponiamo a puntate settimanali perché ci sembra una storia molto interessante e ricca di spunti di riflessioni, scritta con l’abituale e riconosciuto garbo di Marcello che anche in questo caso lascia una impronta netta. Una storia che attraversa gli anni delle lotte a Venezia e nel Paese e delle riforme e che, senza fronzoli e tentennamenti, va direttamente al cuore del problema: la de istituzionalizzazione permanente che fa tesoro del lavoro dello straordinario gruppo che con Basaglia porta avanti l’esperienza di deistituzionalizzazione a Gorizia e dal quale Lattanzi attinge ponendo al centro appunto “lo spirito goriziano”. Una lotta caparbia e senza compromessi quella di quel gruppo indomito e che ha segnato, in maniera indelebile, tutta l’esperienza antistituzionale del nostro Paese e che non ha riguardato ed influenzato positivamente solo il mondo della psichiatria. Per questi motivi invito a leggere questo dono di Marcello non soltanto ai tanti che frequentano i nostri social, ma a tutti coloro che, pur tra mille difficoltà ed ostacoli, continuano a difendere e ad affermare lo spirito della riforma sanitaria.

Emilio Lupo

 

Durante i lunghi mesi chiuso in casa fra marzo e maggio 2020, mi sono trovato a riflettere, a venti mesi dal mio pensionamento, sulla mia esperienza di psichiatra antiistuzionale, soprattutto a Venezia, ma non solo.

Ne è venuta fuori una specie di lettera aperta agli operatori nati dopo il 1974, la generazione entrata a lavorare ad Aziendalizzazione Sanitaria ormai avanzata, che ha vissuto parzialmente il complesso parto della legge 180 e della Psichiatria Riformata successiva.

Farsi capire è sempre stata la mia ossessione, perché è così difficile tra generazioni diverse. Ma non ho perso la speranza e questo è il mio tentativo.

Spero sia utile a qualcuno, soprattutto a chi la pensa diversamente e avrebbe voglia di polemizzare. Vi invito a farlo.

 

Dott. Marcello Lattanzi, psichiatra a Venezia

Sezione di Psichiatria Democratica del Veneto

 

Allegati:

prima parte

 

 

 

 

Liberare e liberarsi dalle REMS (Emilio Lupo)

«…oltre le logiche violente dell’abbandono,
la Salute Mentale significa riappropriazione di relazioni
significative e di potere sociale».

Agostino Pirella

«Il movimento di Psichiatria Democratica
tende a rendere le competenze più flessibili
e vicine alla complessità dei bisogni,
poiché si è fatto consapevole dell’alibi permanente
che le rigidità forniscono all’esperto».

Agostino Pirella

 

Sul che fare dopo la chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari e con l’attivazione, nelle singole regioni, delle residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza (REMS), si apre, periodicamente, il dibattito. Un confronto che, il più delle volte, scaturisce in seguito a qualche notizia giornalistica, come a qualche sentenza in materia, e si sviluppa intorno alla presunta necessità di attivare nuovi posti letto nelle suddette strutture, oppure sul caratterizzare le REMS come luoghi di custodia, aumentando il personale di vigilanza, piuttosto che come luogo di transizione e, quindi, esclusivamente come tappa di un attento processo di inclusione. Operatori sanitari, magistrati, familiari, studiosi del diritto e mondo dell’informazione, si schierano sostenendo tesi a favore o contrarie, sciorinando dati, invitando alla riflessione intorno ai singoli fatti: si veda al riguardo il recente intervento di Marco Patarnello, magistrato di sorveglianza a Roma, e le riflessioni di Pietro Pellegrini, direttore del DSM di Parma. Un confronto che abbiamo apprezzato e salutato con favore e che ci auguriamo possa svilupparsi nei mesi a venire, e che sia in grado di rimettere al centro il progetto personalizzato per il singolo utente, che, nella nostra visione, costituisce il cuore e la stessa ragion d’essere della Risoluzione del CSM che ha varato i Protocolli Operativi (P.O.). Una ulteriore valutazione sullo stato dell’arte del dopo OPG va a questo punto fatta: il salto di qualità che aspettavamo, ovvero il riscatto della dimensione carceraria attraverso progetti condivisi, ancora non c’è stato. E’ un problema di risorse? Di mancanza delle motivazioni e dell’impegno che il problema richiede? Di entrambe? E’ una cultura regressiva della sofferenza psichica, da cui la concezione custodialistica della cura? E’ l’esito della restaurazione “modernizzata” di un modello paradigmatico oggettivante?

A quelli che, come noi, sono interessati ai temi della Salute pubblica da qualche decennio, la discussione sull’aumento dei posti letto nelle REMS che ha il carattere del déjà vu, suscita molta preoccupazione. Quanto accaduto di recente con la chiusura dei lager OOPPGG, era avvenuto in precedenza con i manicomi. La storia e l’esperienza insegnano che all’aumento dell’offerta del posto letto, l’istituzione risponde con la rapida occupazione dello stesso, inducendone il bisogno: una categoria che ha bisogno di occupare un letto, la si trova sempre. Nel caso specifico, si è inizialmente ritenuto che bastasse la sola stipula del Protocollo tra Tribunali, Aziende Sanitarie e DSM per affrontare e risolvere vecchi e nuovi problemi, all’indomani della chiusura degli OPG.

Di contro, come Psichiatria Democratica (PD) e personalmente, insieme al collega Cesare Bondioli, avevamo, difatti ed a più riprese sottolineato, nell’elaborare la nostra proposta di “Protocolli Operativi Vincolanti” (presentata, il 14 giugno 2018, dai dirigenti nazionali di PD alla VII Commissione del CSM), che era invece, assolutamente indispensabile realizzare, da subito, una sorta di schema-regolamento attuativo per ciascun Progetto Obiettivo. Abbiamo suggerito di operare sul campo, utilizzando lo strumento principe del progetto territoriale, titolato pienamente a verificare e monitorare con assiduità e nel tempo il percorso, ovviamente nella sicurezza dei cittadini.  Ma anche il solo in grado di porre argine alle “misure provvisorie” che occupano i posti nelle REMS: 253 persone, pari a ben il 41% degli ospiti delle REMS, secondo i dati presentati al Parlamento, il 26 giugno 2020, dal Garante Nazionale dei diritti delle persone private delle libertà Mauro Palma. A conferma di questo nostro orientamento vogliamo ricordare che tutte le volte che abbiamo avuto modo di rappresentare come, secondo PD, andassero coniugati nella pratica i Protocolli Operativi Vincolanti, lo abbiamo fatto cadenzando minuziosamente modalità e tempi del percorso con dovizia di particolari. Eravamo convinti allora come oggi e ben consapevoli, che soltanto attraverso programmi personalizzati, elaborati per il paziente e con il paziente dalla equipe multi professionale allargata (che comprendesse cioè le figure competenti per gli specifici problemi e per gli specifici bisogni di quella persona in cura)  ne avremmo garantito la piena attuazione.

I Protocolli Operativi – e su questo ritengo si sia tutti d’accordo – lungi dal risolversi in un nuovo burocratismo, che immancabilmente esita nella ricerca del posto letto per il “matto”, debbono promuovere il concreto superamento di ogni concezione della cura come esclusiva attività intramuraria, cioè, di segregazione ed esclusione. E’ questa la sfida che il Consiglio Superiore della Magistratura aveva inteso lanciare, già con la delibera dell’aprile 2017, laddove sottolineava che: «…Le REMS sono, pertanto, soltanto un elemento del complesso sistema di cura e riabilitazione dei pazienti psichiatrici autori di reato. L’internamento in REMS ha assunto non solo, come si è anticipato, il carattere della eccezionalità, ma anche della transitorietà: il Dipartimento di salute mentale competente, infatti, per ogni internato deve predisporre, entro tempi stringenti, un progetto terapeutico-riabilitativo individualizzato, poi inviato al giudice competente, in modo da rendere residuale e transitorio il ricovero in struttura».

Questo pertinente richiamo alla “transitorietà” delle Rems, merita una riflessione che parta sempre dalla nostra esperienza nel superamento del manicomio, prima e dopo la riforma psichiatrica. Transitorietà che va intesa in due accezioni: provvisorietà della struttura in quanto tale e limitata permanenza dei ricoverati nella stessa.

Psichiatria Democratica ha avuto sempre chiaro, e lo ha sostenuto fin dai tempi del dibattito che avrebbe portato alla legge n. 81/2014, che le REMS (le strutture necessarie per chiudere gli OPG non in tempi biblici che allora ancora non si chiamavano così) dovevano essere considerate, alla stregua del manicomio, istituzioni da superare, anche fisicamente, attraverso un costante lavoro di de-istituzionalizzazione. Senza questa tensione al superamento, senza questo orizzonte le REMS rischiano di permanere indefinitamente perché, come ci ricordava V. Marzi, «volere l’assenza [del manicomio]…ne produce l’assenza attraverso azioni concrete, innovative che determinano la non domanda di internamento»: nell’esperienza per superare il manicomio fu necessario coniugare il lavoro interno all’istituzione con quello dei servizi territoriali, i quali hanno realizzato l’alternativa al ricovero. Così dovrà essere anche per le REMS!

L’altra accezione della “transitorietà” prevista dalla legge e richiamata esplicitamente dal CSM riguarda la durata limitata dell’internamento. A tale proposito vogliamo ribadire che il progetto terapeutico individuale dovrà mirare a limitare la permanenza nella REMS al tempo minimo necessario per conseguire gli obiettivi previsti nel progetto stesso. Per ottenere la “transitorietà” occorre attuare una appropriata “selezione” dei soggetti destinati alla REMS, che è struttura sanitaria, con particolare riguardo ai c.d. “pazienti difficili”, per esempio evitando di abusare della c.d. “doppia diagnosi” nel caso di soggetti tossicodipendenti, la cui pericolosità sociale è solitamente causata dalla compulsiva ricerca della sostanza più che dalla malattia. Sappiamo, infatti, che per i tossicodipendenti, il ricovero in REMS è terapeuticamente inappropriato, e, quindi, per definizione non devono esservi inviati. Analoghe considerazioni potrebbero riguardare le persone con gravi disturbi di personalità antisociale, o psicopatia, che rappresentano, pensiamo, una fetta degli utenti di tali strutture. Di queste persone, bisognerà con urgenza ed attraverso uno sforzo, straordinario e collettivo, farsi carico fornendo risposte attraverso l’attivazione di progetti individuali e sociali. Senza tentennamenti e con crescente consapevolezza, ricercando risposte diverse dalle REMS, battendo strade nuove, originali e fuori dagli schemi tradizionali.  Bisognerà essere visionari, quanto basta a favorire col tempo una progressiva innovazione, attraverso risposte sempre più congrue, di volta in volta; bisognerà verificare il percorso attraverso le pratiche, così come è avvenuto nel corso degli anni con le multiformi applicazioni sul campo della legge 180, che è stata e rimane – anche in questo contesto del dopo OPG – nutrice feconda. In questo modo, probabilmente, riusciremo a centrare  l’obiettivo di rispondere ai loro reali bisogni e non a quelli che noi abbiamo deciso unilateralmente e riduttivamente di inglobare per contiguità, comodità o convenienza nell’ambito psichiatrico. La ricerca di percorsi originali e di nuove strade, ancorché  ardua e complessa, è – e vogliamo sottolinearlo con forza – un nodo centrale sul quale impegnarsi senza risparmio; e non va considerata come una delle opzioni o come un espediente introdotto per rimandare o spostare in avanti il problema, essa è un doveroso quanto urgente  impegno per superare l’attuale tendenza a dare “risposte” indifferenziate che poi, e in taluni casi, si rivelano improprie o incongrue. In altri termini, il problema è quello di rifuggire dalle vie brevi nel fornire risposte e, quindi, dal grande contenitore che, nei fatti, ripropone le pratiche onnivore del manicomio.

Come ci ricorda il collega P. Pellegrini: «la psicopatia costituisce una condizione molto complessa, sostanzialmente intrattabile con strumenti medici psichiatrici, farmacologici e psicoterapeutici» mentre sembrerebbero più idonei «strumenti di tipo psicosociali o misure alternative o non convenzionali» senza dimenticare quanto già verificato con la chiusura degli ospedali psichiatrici quando «la gestione di comportamenti aggressivi (in un) cambio di contesto, normali ambienti di vita, un approccio non custodialistico e quote crescenti di libertà e autodeterminazione hanno permesso di ridurre notevolmente i comportamenti aggressivi, di migliorare autocontrollo e responsabilità e di superare completamente le contenzioni. E’ un esempio di come la diversa offerta di relazione e di cura modifichi anche l’espressione delle manifestazioni comportamentali (patologiche e non) e la loro gestione»[3] .

Dobbiamo essere ben consapevoli che è necessario contrastare i ricoveri impropri per evitare l’esaurimento dei posti nelle REMS e la formazione delle liste d’attesa, cui consegue la richiesta di nuovi posti letto. Insistiamo perché tale dinamica è una delle cause maggiori della regressione manicomialistica, per cui va assolutamente evitata. Vogliamo anche sottolineare, sempre richiamandoci all’esperienza di chiusura del manicomio: le pratiche di deistituzionalizzazione, precedenti e successive a quella che viene indicata anche come legge Basaglia, hanno anche consentito di superare parte dei pregiudizi sui pazienti psichiatrici e hanno contribuito a implementare la legge stessa; ci auguriamo che accada la stessa cosa per il superamento delle REMS. L’attuazione di pratiche che rendono evidente la possibilità di alternativa all’internamento, potrà, infatti contribuire alla modifica, da più parti auspicata, del codice penale sul tema della imputabilità. Su questi aspetti si coglie un gap tra dibattito nell’ambito scientifico/psichiatrico e in quello giuridico, gap che sarebbe tempo di colmare.

Tornando al tema centrale del che fare oggi, vale la pena ribadirlo, quella che va affrontata è la complessità della esistenza, rifuggendo da ogni concezione riduzionista della cura. Riteniamo altresì molto importante la presenza costante dell’avvocatura all’interno del gruppo di lavoro multidisciplinare fin dal suo costituirsi, sia per la necessaria funzione di raccordo, sia per il contributo teorico/operativo che potrà fornire all’equipe. L’avvocatura deve essere presente – a nostro avviso – anche durante la formazione congiunta di tutte le figure coinvolte nel procedimento, che si  auspica possa svilupparsi organicamente,  in tutte le realtà coinvolte, così come opportunamente previsto nella risoluzione del CSM, «…perché siano previste la migliore cura e possibilità riabilitativa alla persona…» (si  veda ad es. il Protocollo Operativo in tema di misure di sicurezza psichiatriche per il Distretto di Milano, 12 settembre 2019).

Riteniamo, inoltre, che la nostra proposta di affidare l’accertamento peritale al Sanitario del DSM che ha in carico o avrà in carico l’utente sia non solo innovativa dal punto di vista teorico ma che abbia anche importanti ricadute pratiche; infatti il curante è in possesso di un notevole corredo di notizie cliniche, sociali e familiari, indispensabili per ben orientare l’intera equipe (del SSN e del Tribunale) sul percorso da intraprendere, informazioni di cui un eventuale perito esterno sarebbe inevitabilmente privo. L’impostazione corale auspicata dalla Risoluzione del CSM, ovvero di un costante monitoraggio attivo dell’intero  iter, farà da indicatore al percorso e, nel contempo, sosterrà anche altre decisioni, tra le quali annoveriamo la scelta del luogo ove scontare la misura di sicurezza e la sua stessa durata. Garantirà, insomma, che quanto congiuntamente deliberato, risulti essere anche il frutto di un ampio dibattito tra i differenti saperi degli attori in campo.

Il confronto/scambio tra operatori con percorsi professionali, saperi e pratiche diverse, non potrà che risultare sempre più funzionale alla scelta della tipologia della misura stessa. Così come sarà un arricchimento reciproco il monitoraggio costante del percorso terapeutico – riabilitativo elaborato insieme, con ricadute positive per l’utenza. Così come risulteranno sempre più utili alla coesione dell’intera equipe allargata, gli incontri periodici di formazione e di aggiornamento, espressamente previsti dal CSM nell’articolato della Risoluzione del 24 settembre 2018.

Un ulteriore elemento di riflessione si pone se si considera che alcuni reports indicavano in ben 1/3  degli ospiti attuali delle REMS gli autori di reati modesti, spesso di natura bagatellare e di scarso allarme sociale; le  sanzioni per questi reati non devono essere scontate nelle Residenze per le misure di sicurezza: si tratta, ancora un volta, di rispettare l’indicazione della REMS come extrema ratio.

E’ importante ribadire, per quanto possa sembrare scontato che pur essendo indispensabili, non sono sufficienti i soli schemi di convenzione tra Tribunali e Aziende Sanitarie, e che, anzi, questi possono diventare un alibi qualora le disposizioni in essi contenute non vengano, poi, compiutamente rispettate e rese operative. Sono i Protocolli Operativi, insomma, se saranno tempestivamente e congiuntamente attivati, a costituire il “luogo sicuro” in cui  nessuno si sentirà più solo e che la loro piena attuazione migliorerà la qualità della convivenza civile.

Quel che più ci preme sottolineare, relativamente all’importanza dei P.O.  è che essi – come la legge di riforma psichiatrica – hanno straordinarie potenzialità di promuovere una evoluzione teorica e operativa, sia dal punto di vista giuridico che da quello più generalmente culturale: di questo ancora non si ha, a nostro avviso, piena consapevolezza. Siamo convinti che ciò che ha reso possibile la chiusura degli OPG e, quindi, il varo dei Protocolli Operativi (P.O.) non sia altro che l’ulteriore evoluzione del percorso storico, naturale e plastico, iniziato col varo della legge di riforma psichiatrica.  Noi di PD in particolare dobbiamo essere coscienti del fatto che è cominciata una nuova, faticosa e lunga marcia di deistituzionalizzazione per il superamento delle REMS, e che i Protocolli Operativi devono costituire, sempre più, uno strumento di intervento nel quotidiano, per realizzare quella rivoluzione culturale iniziata con la legge 180 nel 1978 di cui la chiusura degli OPG è stata una ineludibile tappa.

E’ quanto mai attuale, perciò, l’affermazione di Franco Basaglia: «non è importante vincere ma convincere», e nel contempo non si può demandare il destino di migliaia di donne e uomini all’esclusivo ambito tecnico. E’ tempo di allargare di nuovo il cerchio del contagio, di ascoltare, dibattere e proporre: sarà questa stessa modalità di procedere, a garantire la necessaria sicurezza collettiva. E’ tempo di ritornare a schierarsi. Associazioni e movimenti devono, perciò, riprendere a svolgere un costante ruolo di stimolo verso le Istituzioni contribuendo in tal modo a rigettare ogni forma di neo-manicomializzazione, ed essere, ancora una volta, argine contro il ritorno ai tempi bui della custodia e della espulsione.

Ricordo di Marcello Buiatti

Un lutto per Psichiatria Democratica: il 28 ottobre scorso ci ha lasciato Marcello Buiatti, illustre genetista di fama internazionale, epistemologo, Maestro di scienza e democrazia, un Giusto da sempre presente nelle iniziative della nostra Associazione.

Come genetista ed epistemologo ha studiato la complessità dei sistemi biologici e si è occupato di tutelare la biodiversità diventando un punto di riferimento del movimento ambientalista.

Da sempre impegnato sul piano politico, anche a partire dalla per lui indelebile esperienza familiare di perseguitato in quanto ebreo anche se allora era solo un bambino; in anni recenti, cogliendo la deriva revisionista e neofascista che si faceva strada anche nella politica italiana aveva voluto testimoniare il suo impegno iscrivendosi all’ANPI.

E’ sempre stato presente nel dibattito di Psichiatria Democratica non solo per i suoi rapporti familiari in quanto coniuge di Anna Anglani – neuropsichiatra infantile, cui va il nostro affettuoso pensiero – e cognato di Vieri Marzi con cui aveva sviluppato, in un proficuo scambio dialettico, un approfondimento dei temi legati al rapporto tra scienze “dure” e scienze umane con particolare riferimento al neo determinismo che si andava affermando da parte della psichiatria biologica.

Di questo suo sapere ci ha fatto dono in numerosi interventi a nostri convegni e seminari, aiutandoci a capire la fallacia di un “modo di pensare presente nelle società umane, da quando si sono organizzate in modo gerarchico, che tende ad attribuire all’informazione genetica un ruolo predominante nel determinare il fenotipo comportamentale degli esseri umani ‘solidificando’ così le gerarchie di generazione in generazione e, nel contempo, attribuendole a non modificabili caratteristiche biologiche” (M. Buiatti – Lo stato vivente della materia – UTET, 2000).

Con la semplicità che è solo dei grandi, dei Maestri, ci ha introdotti nel complesso rapporto tra genetica ed epigenetica, specie in ambito comportamentale, invitandoci a riflettere che “attribuire infatti la causa dei comportamenti “cattivi” ai geni libera implicitamente dalla responsabilità”, mettendo in luce le implicazioni politiche di questo modo di pensare: “perché discutere delle politiche da attuare, di economia, di riforme sociali quando, in fondo in fondo, l’unico modo per migliorare l’umanità degli esseri umani è far sì che abbiano il maggior numero di geni ‘buoni’?”  (M. Buiatti – La biodiversità – Il Mulino, 2007).

Ci mancheranno la sua ironia, la sua cultura, la sua scienza, il suo essere “politico”.

Come si fa? Salute mentale di territorio e ripartenza (Antonello D’Elia)

In piena emergenza COVID la necessità di investire in salute è sotto gli occhi di tutti.  Arriveranno, si spera, fondi anche alla salute mentale che andranno gestiti: chi deciderà come verranno impiegati? Tra i temi centrali delle attività di Psichiatria Democratica riproponiamo quello della formazione.

 

Chi saranno le persone che lavoreranno nei servizi di salute mentale? Sapranno cosa fare o applicheranno protocolli, seguiranno linee guida, useranno il buon senso o, è possibile, asseconderanno i loro personali convincimenti? L’attesa dei fondi europei ha già attivato fantasie da cuccagna e appetiti per lobbisti. Per quanto riguarda la Salute Mentale il loro impiego andrà orientato e  monitorato per evitare che vadano in altre mura, letti, suppellettili d’arredo, assunzioni di medici e psicologi provenienti dalla asfittica formazione accademica e vengano trascurate altre figure professionali decisive per una buona salute mentale territoriale come infermieri, educatori, riabilitatori. Certamente i luoghi della salute devono essere congrui e decorosi per spazi e accoglienza, come spesso non sono CSM e Centri Diurni. Ma se la cura degli spazi è importante non meno quella delle persone che li abiteranno, l’auspicato personale del futuro. Una salute mentale di territorio richiede competenze, organizzazione, consapevolezza delle prassi efficaci, capacità di confronto con le esperienze migliori esistenti e di adeguamento ai contesti sociali in mutamento. Siamo certi che queste abilità non provengono dalle aule universitarie ma da anni di pratiche ed esperienze di lavoro con le persone, di progetti realizzati, di sfide accolte e vinte. Il laboratorio sociale e sanitario dei servizi territoriali ha costituito in passato il motore di queste attività e il presidio di una cultura trasmessa attraverso lo scambio pratico tra generazioni di operatori, prima ancora che attraverso l’apprendimento scolastico. Nei servizi sempre più sguarniti e occupati da personale stanco e anziano lo scambio generazionale è da tempo venuto meno, basti controllare i dati sull’età media degli operatori della psichiatria italiana. Eppure viene auspicata una rivoluzione culturale, magari rievocando quello straordinario movimento di persone e idee che portò alla legge 180 e alla sua applicazione. Dobbiamo allora ricordare che un lavoro territoriale di comunità rispondente a criteri di efficacia, capace di confrontarsi anche con i suoi esiti qualitativi e quantitativi, di governare processi complessi come quelli che possono condurre allo sviluppo di autonomie personali, a una reale inclusione sociale, all’attivazione di risorse umane, familiari e sociali, richiede investimento e apprendimento: in una parola formazione.

Proviamo allora a elencare, per difetto, una serie di obiettivi fondamentali per l’acquisizione di capacità e competenza pratiche. Non un elenco di precetti ma una serie di aree d’azione ciascuna delle quali, come tradizione per Psichiatria Democratica, rimanda a proposte concrete per realizzarsi. Ciascuna richiede apprendimento e insegnamento. Ci chiediamo allora “come si fa” a fare quello che è richiesto nel lavoro di salute mentale territoriale, l’unico in cui ci riconosciamo.

Come si fa a svuotare i grossi contenitori residenziali e trasformarli in piccoli luoghi di abitazione? Come si fa ad opporsi alla gestione totalizzante delle vite che avviene attraverso l’offerta di posti letto?

Come si fa a far capire, agli operatori e non solo, che le persone trascorrono molto più tempo fuori dai CSM e dai luoghi della psichiatria che al loro interno, e quindi considerare il ‘fuori’ come il contesto da rendere accessibile, vivibile, condiviso e non ostile?

Come si fa a non usare le REMS come sostituti ‘agili’ degli OPG?

Come si fa a far conoscere ai professionisti della salute mentale, ai decisori politici e ai magistrati i Protocolli Operativi, frutto del lavoro competente di Psichiatria Democratica e rifluiti in una risoluzione del Consiglio Superiore della Magistratura, che potrebbero trasformare il braccio di ferro con i giudici in una collaborazione che aiuta tutti gli attori in campo?

Come si fa a fare proposte di inserimento lavorativo reali e non di vuoto intrattenimento, attivanti e capaci di includere socialmente le persone seguite dai servizi di salute mentale?

Come si fa a far diventare la co-progettazione e il budget di salute degli strumenti operativi reali e non degli slogan consolatori per un futuro che non arriva mai, condividendo i progetti con la cooperazione integrata nell’operatività dei servizi e non subappaltata?

Come si fa a trattare i familiari non da colpevoli, né da nemici né da pedine strumentalizzabili nella lotta interna alle istituzioni?

Come si fa a ricoverare senza pensare che il paziente sia un pericoloso criminale da neutralizzare e che il TSO sia una punizione poliziesca per la sofferenza venuta fuori sotto forma di crisi?

Come si fa a non legare le persone al letto pensando che legando i corpi si pieghi la loro mente?

Come si fa a dimettere senza abbandonare in luoghi di parcheggio e senza prolungare reclusioni in ricoveri accreditati?

Come si fa usare i farmaci senza delegare a iniezioni, pillole e gocce il rapporto umano credendo che la chimica possa risolvere dove mancano le relazioni?

Come si fa ad utilizzare in maniera sapiente i numeri dell’epidemiologia senza accumularli per dovere istituzionale o piegandoli a ragioni di comodo?

Come si fa a riconoscere che la dimensione interprofessionale delle èquipe è l’unità di lavoro in salute mentale territoriale e non un assortimento generico di personale che non è addestrata a lavorare in gruppo?

Come si ad imparare che il rispetto non è un tema morale ma una modalità relazionale per abbattere le diseguaglianze e promuovere l’autonomia decisionale delle persone?

Come si fa ad imparare ad ascoltare senza passare subito ad agire?

Come si fa a utilizzare gli obiettivi di budget aziendali e gli indicatori ad essi connessi come strumenti al servizio di operatori e utenti e non come trucchi per risparmiare senza tenere conto della qualità o per spacciare per efficienza gli interessi di parte?

Come si fa a smettere di fare psicodiagnostica per i minori senza fare terapia?

Come si fa ad avere a che fare con le persone che provengono da paesi lontani nella disperazione senza considerarli d’ufficio delinquenti, approfittatori o malati?

Per passare da una astratta precettistica a un progetto formativo organico sarà necessario integrarlo negli obiettivi del rilancio della salute mentale territoriale che potrà derivare dai finanziamenti in arrivo. Se intesi come temi fondanti, avranno bisogno di indicazioni vincolanti, di agganci legislativi, di regolamentazioni stringenti che si oppongano alle degenerazioni sempre in agguato per ideologia o sciatteria e, infine, anche di contesti di apprendimento e monitoraggio con il coinvolgimento attivo degli operatori. Per ciascuno di questi unti che descrivono almeno una parte delle attività centrali nel lavoro di salute mentale possono esserci soluzioni specifiche di formazione e, al tempo stesso, modalità applicative chiare che indirizzino verso pratiche attente ed avanzate e vadano verso lo sviluppo di autonomia per le persone sofferenti e i loro familiari. Il personale che arriverà in salute mentale dovrà confrontarsi con queste pratiche e misurarsi con la loro attuazione. Abbiamo bisogno anche in salute mentale di investire in persone e educazione se crediamo sia fondamentale che i soldi che arriveranno non finiscano in cose e non anche in sapere.

Psichiatria Democratica e le politiche di salute mentale in Basilicata

10 OTTOBRE
GIORNATA NAZIONALE SALUTE MENTALE

Attualmente il dibattito sulla sanità lucana è concentrato, giustamente, sulle sorti dell’ospedale di Matera, e i servizi sanitari territoriali?
In particolare, i Servizi per la Salute Mentale?
Parliamone oggi, 10 ottobre, Giornata Nazionale della Salute Mentale.
Non è un aspetto indifferente.
Il dato è che il 4% della popolazione soffre di disturbi psichiatrici gravi, disturbi per i quali è fondamentale la qualità dell’assistenza territoriale.
Sono dolenti note!
I dipartimenti di Salute Mentale negli ultimi 10 anni sono stati ridotti da 5 a 2 (provinciali) e si va verso il dipartimento unico. Non è un problema indifferente per gli operatori che oggi giorno devono offrontare bisogni complessi, anche sul piano organizzativo e che necessitano di servizi in rete.
La Basilicata, terra di esperienze esemplari, non è più attrattiva per il personale sanitario. Mancano psichiatri, psicologi e personale infermieristico.
Praticamente inesistenti le figure professionali innovative (educatori, tecnici della riabilitazione).
I Servizi sia territoriali che ospedalieri devono affrontare emergenze di ogni tipo, quasi sempre improprie, abbandoni, problematiche sociali, persone anziane. Sempre più utenti vengono accolti nelle case famiglie e nelle comunità terapeutiche in mancanza di un’alternativa valida.
Oggi è necessario rilanciare politiche di salute mentale di comunità:
Riorganizzare la rete regionale dei servizi, i progetti di promozione e prevenzione, I tavoli tecnici regionali.
Rendere i servizi accessibili e accoglienti alle esigenze della popolazione.
Organizzare percorsi di cura personalizzati per i pazienti gravi.
Implementare i servizi di domiciliarita’.
Orientare la riabilitazione sulla quotidianità ed il benessere dell’individuo.
Superare la lungodegenza nelle comunità.
SI PUÒ FARE
L’ABBIAMO GIÀ FATTO

PSICHIATRIA DEMOCRATICA
MATERA